Il welfare nelle utilities, oltre il 52% ha implementato un piano aziendale

Il 52,8% delle aziende locali attive nell’erogazione e nella gestione dei servizi pubblici e ambientali dei cittadini ha implementato un piano di welfare aziendale, e il 50% destina ai lavoratori anche il vantaggio fiscale dell’azienda, introducendo un premio di risultato utilizzando la possibilità introdotta dalla normativa del 2016 di detassare il premio.

I servizi più diffusi nei piani di welfare attivati dalle utilities sono i benefits e i servizi, in cui prevalgono i buoni pasto, erogati dall’80% delle aziende, e la flessibilità organizzativa (51,5%), legata principalmente all’orario di lavoro.

Si tratta di alcuni dati emersi dalla ricerca Il welfare aziendale nelle utilities, promossa da Edenred e realizzata dal Consorzio Aaster, in collaborazione con Utilitalia, la principale associazione di rappresentanza delle aziende del settore.

Il paniere dei servizi: dal rimborso delle rette scolastiche allo smart working

Rispetto ai benefit, oltre ai buoni pasto, il paniere welfare prevede una molteplicità di servizi, tra cui rimborso rette e acquisto libri (23,9%), borse di studio, vacanze studi e corsi (23,9%), supporto di baby-sitting (21,6%), carrello della spesa (20,9%), agevolazioni al rientro dalla maternità (20,1%), assistenza anziani (16,4%), assistenza familiari non autosufficienti (16,4%), asilo nido aziendale o simili (11,9%), e sostegno alla formazione dei dipendenti (17,9%).

Rispetto al welfare organizzativo, riferisce Adnkronos, emerge inoltre una buona percentuale di piani di smart-working, adottata dal 16,4% delle utilities.

Un modello di welfare ispirato al work-life balance

Da questi dati si conferma un modello di welfare aziendale fortemente ispirato al work-life balance, al sostegno delle esigenze familiari dei dipendenti, alla maternità e ai sevizi alla persona. Un modello che valorizza il corretto bilanciamento tra la vita lavorativa e quella familiare-privata, con particolare attenzione alle esigenze delle donne lavoratrici, presenti in larga misura tra i direttori del personale delle aziende del settore (il 77,3%).

Prevale il sentiment positivo fra i lavoratori rispetto al management

Se l’alta componente femminile fra i direttori del personale rappresenta il lavoratore tipo favorevole al welfare aziendale, la valutazione degli impatti derivanti dall’adozione di piani di welfare aziendale è positiva per il 62,1% del management, e per 66% dei lavoratori.

Un dato, questo, in contrasto con molte altre ricerche, che rilevano, invece, un sentiment maggiormente positivo tra i dirigenti rispetto ai lavoratori. Inoltre, secondo la ricerca, la valutazione positiva aumenta notevolmente quando il welfare è inserito tramite accordi negoziali con il sindacato rispett

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress
Theme: Esquire by Matthew Buchanan.