La nuova netiquette, le regole del galateo sui social

Non stressare, non chiedere di mettere “mi piace” ai post su Facebook, non rispondere ai messaggi dopo ore. Sono solo alcune regole del galateo al tempo dei social: le ha codificate  Usa Today, sulla base del parere di blogger americani ed esperti di social media. Sebbene le regole siano infinite, il quotidiano statunitense ha provato a ridurne il numero a quindici, considerate fondamentali. “Le regole del galateo digitale sono regole semplici che provengono dal passato”, spiega James Ivory, professore di comunicazione a Virginia Tech. E il rispetto, oggi come ieri, deve esserne la guida.

Non stressare, essere sintetici, non abbondare di emoticon

“Una delle cose che più stressa – dicono gli esperti – è mandare un messaggio ed essere subito chiamati”. Inoltre, è bene mandare un messaggio prima di chiamare qualcuno che non si conosce. E se sui social qualcuno commenta una vostra foto, fareste meglio a rispondere al commento. Inoltre, non inviare messaggi troppo lunghi, e non abbondare con l’uso delle emoticon. “Abituati a una comunicazione fatta non più di persona – spiega Elaine Swann, esperta di lifestyle – abbiamo bisogno di mettere emoticon sui testi per coprire quel vuoto che veniva dalle nostre espressioni”. Senza però esagerare.

Mettere “mi piace” ai nostri stessi post ci fa sembrare stupidi

La 4a regola per non apparire maleducati sul web è la seguente: se qualcuno vi contatta per email, fate lo stesso. E non mettete “mi piace” ai vostri stessi post, la gente lo vede e vi considera un po’ stupidi, riporta Agi. Un’altra cosa da evitare assolutamente poi è quella di chiedere agli altri di mettere “mi piace”. Questo vi fa sembrare quantomeno poco educati.  Regola numero 7: non metteteci ore a rispondere a un messaggio. Se non potete rispondere, lasciate un audio di scuse. E se qualcuno, per messaggio, vi chiede più cose, non rispondete solo ad alcune.

Evitare di ingolfare i gruppi Whatsapp con troppi messaggi

Regola numero 10: fare gli auguri via messaggio è sempre consigliato, e non è necessario chiamare se non ci si conosce “di persona”. D’altronde, è bene non comunicare brutte notizie tramite messaggi o messaggi diretti su Twitter, ed evitare di ingolfare i gruppi Whatsapp con troppi messaggi, che potrebbero disturbare chi non è interessato. E se non vi rispondono subito, non arrabbiatevi. Non sempre è possibile. Di contro, se si ha tempo per scrivere su Snapchat, vuol dire che si ha tempo anche per rispondere a un messaggio.

L’ultima regola suggerisce di non postare troppe foto sdolcinate. Apparire “melensi” non è una buona idea.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress
Theme: Esquire by Matthew Buchanan.