Impatto pandemia sulla moda, i trend del post Covid

L’emergenza Covid-19 ha sconvolto il settore della moda, imponendo l’evoluzione verso un mondo più digitale e sostenibile. In generale, l’impatto negativo sulla fiducia dei consumatori ha trasformato le abitudini d’acquisto, e a livello mondiale l’impatto maggiore si registra proprio nel settore moda e calzature, con il 51% dei consumatori che quest’anno ridurrà la spesa. Il 40% circa dei 4.500 intervistati da PwC a livello mondiale ha registrato una riduzione del reddito, e il numero di chi spenderà meno per gli acquisti è raddoppiato rispetto allo scorso anno, passando dal 19% al 36%. Sono alcune evidenze emerse al Circular Fashion Summit 2020, l’appuntamento dedicato ai temi moda, design, tecnologia e sostenibilità organizzato da Lablaco.

I consumatori guardano alle politiche di sostenibilità di brand e governi

I cambiamenti impattano anche le tendenze d’acquisto, i consumatori guardano alle politiche di sostenibilità dei governi e danno maggiore attenzione a quanto viene fatto dai brand. I consumatori si aspettano un contributo determinante da parte di governi e istituzioni nell’incoraggiare comportamenti sostenibili, e solo il 22% si aspetta che l’ownership in materia di sostenibilità spetti al settore privato. La ricerca di PwC mostra come i consumatori che vivono in città siano consapevoli della necessità di ridurre l’uso della plastica, e si aspettano che i brand facciano lo stesso. Anche prima della pandemia però il 45% degli intervistati nel mondo affermava di evitare l’uso della plastica quando possibile, il 43% si aspettava che le aziende fossero responsabili del proprio impatto ambientale, e il 41% si aspettava che i retailer eliminassero i sacchetti di plastica e imballaggi per articoli deperibili.

L’impegno di Millennials e GenZ

Da quanto emerge dal Quinto osservatorio Millennial e Generazioni Z di PwC, che ha intervistato oltre 2400 giovani italiani, il 53% degli intervistati è interessato a prodotti naturali come maglie, t-shirt, pantaloni e shorts interamente realizzati utilizzando solo fibre di cotone biologico certificato, il 50% a prodotti ecologici, il 36% a marchi noti per pratiche sostenibili, e il 28% a prodotti etici. La predisposizione allo sharing da parte di Millennials e GenZ, poi, vale anche per abbigliamento, accessori, borse e gioielli. Tanto che il 14% già utilizza servizi di fashion renting, e un 23% è interessato a farlo in futuro.

Supply chain e materie prime. L’etichetta vince sul social

La supply chain e le materie prime diventano cruciali per la reputazione di aziende e brand. Investimenti in marketing e beneficenza non bastano più, ci si aspetta che le aziende ripensino l’intera supply chain con investimenti più ampi e di maggiore impatto. Per la prima volta dall’inizio delle rilevazioni di PwC sui consumatori, poi, l’etichetta ha superato i social media come mezzo più efficiente per comunicare informazioni sulla sostenibilità. Anche in questo caso Millennials e GenZ vogliono fare scelte informate e responsabili, cercando informazioni sulla sostenibilità e l’impatto sociale di un brand. E si aspettano di trovare sull’etichetta informazioni sui materiali e sull’origine del prodotto per valutarne personalmente la sostenibilità.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress
Theme: Esquire by Matthew Buchanan.