Enea ed Eni insieme nella ricerca sulla fusione

L’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile, e l’Eni uniscono le forze nella ricerca per la produzione di energia pulita. Il presidente dell’Enea Federico Testa e l’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, hanno infatti firmato un protocollo d’intesa, un Memorandum of Undestanding, che apre la strada alla collaborazione nella ricerca sulla fusione a confinamento magnetico. Obiettivo dell’accordo, ottenere energia pulita, sostenibile e sicura tramite il meccanismo con cui viene prodotta energia nel Sole. Questo accordo sulla fusione fa seguito al Protocollo d’Intesa siglato nel luglio 2018 per individuare aree di comune interesse per lo sviluppo congiunto di soluzioni tecnologiche innovative.

Il progetto Divertor Tokamak Test

Più in particolare, il Memorandum of Undestanding prevede la possibilità di collaborare, attraverso la costituzione di un’apposita società, nella realizzazione e conduzione del progetto Divertor Tokamak Test (DTT), il polo scientifico-tecnologico in realizzazione presso il centro ENEA di Frascati. Il DTT si propone come nuova macchina sperimentale per testare diverse soluzioni e fornire risposte scientifiche e tecnologiche ad alcuni aspetti peculiari del processo di fusione, quale, ad esempio, la gestione di elevatissime temperature.

Nello specifico, si legge su Eneainform@, il Memorandum prevede la definizione degli ambiti di azione e degli impegni delle parti per realizzare e condurre il progetto DTT, e la valutazione congiunta delle modalità di costituzione del veicolo societario.

“Un elemento chiave nella strategia di decarbonizzazione per un futuro più sostenibile”

“Questo accordo rafforza ulteriormente il nostro impegno nello sviluppo e l’applicazione di tecnologie innovative, un elemento chiave nella strategia di decarbonizzazione di Eni verso un futuro più sostenibile”, dichiara l’amministratore delegato Descalzi. Eni infatti contribuirà con le sue competenze industriali, tecniche e commerciali alla realizzazione di questa importante iniziativa, riporta Askanews. L’accordo conferma inoltre l’impegno di Eni in un campo sfidante come quello della fusione a confinamento magnetico. Un impegno iniziato un anno fa con l’investimento nella start up CFS (Commonwealth Fusion Systems) e con le collaborazioni con MIT in USA, oltre alla più recente sigla di un accordo con il Cnr per la realizzazione di un Centro di Ricerca congiunto a Gela, in Sicilia.

Italia all’avanguardia nella ricerca di frontiera

Il progetto DTT, già interamente finanziato, pone l’Italia all’avanguardia nella ricerca di frontiera e consentirà di creare 1.500 posti di lavoro e un ritorno di oltre 2 miliardi di euro. “Nel settore della fusione a Enea è riconosciuta una leadership internazionale grazie al livello di eccellenza dei nostri ricercatori, alla dotazione strumentale e a laboratori tecnologici avanzati – sostiene il presidente Testa -. ENEA ha maturato un elevato grado di professionalità nella gestione di progetti complessi a livello nazionale, europeo e internazionale fornendo prove, studi e misure finalizzati ad incrementare la qualità dei prodotti, dei servizi e dei processi, favorendone la sostenibilità e la valorizzazione ai fini produttivi e della competitività. E questa alleanza con Eni – aggiunge Testa – è una positiva conferma”.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress
Theme: Esquire by Matthew Buchanan.