L’e-commerce del vino è pronto al salto di qualità

L’Italia ha una solida leadership nella produzione di vino, e nella top five mondiale dei produttori troviamo l’Australia con 13 milioni di ettolitri di vino annui, gli Stati Uniti con 24 milioni di ettolitri, la Spagna con 39 milioni, la Francia con 43 milioni e appunto l’Italia, con oltre 50 milioni di ettolitri di vino. Il Bel Paese cede qualche posizione in termini di superficie coltivata a Francia, Cina e Spagna, anche se questi due ultimi paesi si contraddistinguono per la produzione di uva da tavola e vini sciolti.

L’Italia, invece, punta sempre più sulla qualità, con la nascente competitività dei vini biologici, biodinamici, naturali e vulcanici, che attendono una vera regolamentazione europea e in questa fase sopperiscono a tale mancanza con disciplinari di produzione concordati tra produttori e associazioni di categoria. Le cantine italiane si stanno specializzando nel creare, intorno al vino, occasioni di turismo enogastronomico, visite in cantina, degustazioni, diffondendo una cultura del vino anche tra i turisti stranieri, che una volta tornati in patria alimentano l’export.

Passi avanti si stanno compiendo anche dal punto di vista dell’e-commerce, che non sempre è stato adeguatamente sfruttato. Dati del 2013 sul B2C elettronico in Europa parlano di acquisti per un valore di oltre 300 miliardi di euro, in forte crescita (+19% sull’anno precedente. In Italia tramite e-commerce si comprano soprattutto prodotti e servizi per giochi e tempo libero (52%), viaggi (27%) e solo una quota dell’1,2% è destinata al food&beverage. Sul vino si procede in ordine sparso, attraverso l’e-shop delle singole cantine, i portali e alcune App che possono dare un reale contributo alla diffusione della cultura del vino.

Ma quali sono le caratteristiche vincenti di un negozio online di vini. Una cantina che prevede un e-shop, dovrebbe per prima cosa pensare anche a un blog e ad alcune pagine nei social network, essenziali per dare notizia della vendita e-commerce del vino. Dopodiché, è utile studiare un percorso d’acquisto semplice e coinciso, con pulsanti ben visibili che guidino in tre quattro passi all’acquisto effettivo. Mantenere aggiornate le giacenze di magazzino è fondamentale, perché la mancanza di una bottiglia scelta dopo ampie consultazioni può fare abbandonare l’e-shop. È utile pubblicare descrizioni dettagliate dell’articolo, anche perché bisogna ovviare al fatto che il vino sul web non si può toccare con mano. Studiare attentamente l’ordine minimo di acquisto senza prevedere soglie di spesa troppo elevate può rivelarsi una misura molto apprezzata, e un e-shop intelligente deve anche favorire il cross-selling e naturalmente deve essere responsive.

Proudly powered by WordPress
Theme: Esquire by Matthew Buchanan.