Acquistare il divano nuovo: le regole da seguire per non sbagliare

Lo sappiamo tutti: il divano è in assoluto i “re” della zona living, l’elemento capace di dare uno stile e un’impostazione al nostro soggiorno. E’ il luogo fisico dove ci si ritrova in famiglia, a chiacchierare con gli amici, a guardare la televisione e anche per concedersi qualche momento di assoluto relax. Il divano perfetto, quindi, deve rispondere a numerose esigenze di tipo funzionale, oltre che estetiche. L’acquisto di uno nuovo può perciò creare non poche difficoltà: fermo restando che è indispensabile affidarsi a dei rivenditori esperti, con una gamma di modelli e prodotti completa, è altrettanto importante schiarirsi le idee prima di compiere il fatidico acquisto.

Più scelta, più assistenza

I veri professionisti del settore, come Pedrazzini Arreda, hanno in catalogo e in esposizione un’infinità di modelli, per ogni necessità e per qualsiasi budget. Il vantaggio di scegliere un nuovo divano in negozio è soprattuto quello di avere a disposizione dei consulenti esperti, capaci di rispondere alle più diverse domande in merito a funzioni, materiali, dimensioni, cura.

Prendiamo le misure

Un divano va inserito in un ambiente. Prima di compiere scelte dettate solo ed esclusivamente dal gusto, conviene – metro alla mano – prendere le misure dell’ambiente in cui verrà contestualizzato. Se lo spazio è ridotto, è evidente che un divano dalle dimensioni imponenti, magari con penisola, rischierà di compromettere l’abitabilità dell’intera stanza. Meglio allora optare per un modello a due posti, altrettanto confortevole, ma dalla “taglia” più adatta, completandolo piuttosto con una comoda poltrona.

Solo per sedersi o anche per dormire?

Altra considerazione importante prima di procedere all’acquisto è sapere con chiarezza la funzione che dovrà avere il nostro divano nuovo. Sarà solo per ricevere gli amici o rilassarsi? Oppure viviamo in un monolocale e il divano dovrà rappresentare anche il nostro letto quotidiano? O pensiamo di ospitare saltuariamente degli amici e di avere bisogno all’occorrenza di posti letto in più? Se optiamo per un divano letto da utilizzare con frequenza, facciamoci consigliare un modello con un materasso ergonomico e dal sistema di apertura e chiusura facilitato. Un’altra soluzione, perfetta per ambienti sempre più ridotti come sono le case di oggi, è scegliere un divano letto con un vano contenitore in cui riporre coperte e cuscini.

Materiali, quali?

Pelle, tessuto, sintetico, velluto… Sono davvero innumerevoli i materiali in cui il divano può essere rivestito. Anche in questo caso, oltre a una legittima considerazione estetica, bisogna fare un esame delle proprie esigenze e soprattutto della propria famiglia. Se si hanno bambini o animali, sarà senza dubbio conveniente prediligere rivestimenti in tessuti naturali sfoderabili, che possano essere lavati con facilità anche a casa. Sono di semplice gestione anche alcuni tessuti sintetici, come l’alcantara, che hanno un elevato grado di resistenza all’usura. Per le case più classiche ed eleganti, così come per gli ambienti in stile industriale, può essere perfetto un modello in pelle: una scelta senza tempo che però richiede qualche attenzione in più.

Che colore scegliere?

In linea generale, il rivestimento del nuovo divano dovrà coordinarsi con gli elementi d’arredo pre-esisitenti e anche con l’ambiente in generale.In una casa al mare andranno benissimo tutti i tono chiari o dell’azzurro, mentre in montagna via libera a quadretti e fantasie “calde”. Se si hanno bambini, i tessuti a disegni geometrici e in toni scuri sono preziosi alleati nel nascondere le eventuali macchie.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Comments are closed.

Proudly powered by WordPress
Theme: Esquire by Matthew Buchanan.